Ai papà che accompagnano i figli al di là di tutte le difficoltà

Gianluca. Quanto è difficile essere padre? Ogni papà vorrebbe essere sempre in grado di proteggere, sostenere e aiutare i propri figli.

Eppure non sempre questo è possibile, alcune volte ciò di cui hanno bisogno i figli non si trova tra le mura domestiche. E in questi casi, a un padre serve tutto il coraggio per ammettere di aver bisogno di aiuto. Gianluca ha avuto questo coraggio, quando ha scoperto la sofferenza del figlio, vittima di bullismo.

Una violenza che il suo ragazzo, Marco, non era in grado di affrontare da solo, ma che non riusciva neanche a condividere con il padre. Questo isolamento ha portato il figlio a ritirarsi da scuola. Gianluca ha capito che suo figlio si stava perdendo gli anni migliori della sua vita e con essi tante opportunità per crescere e diventare grande. Non sapeva come aiutarlo, ha capito che da solo non ce l’avrebbe fatta.

È stato allora che ha trovato Varcare La Soglia e ha convinto Marco, ormai ventenne, ad andare a parlare con gli educatori del nostro progetto. Iniziando un dialogo con gli operatori Marco ha capito che il “diverso” non è “sbagliato”, si è liberato di un peso enorme e ha iniziato a credere di più in sé stesso.

“È bastata una solo una frase: Raccontami di te… per lasciare alle spalle il dolore che da troppo tempo tenevo dentro.

Gianluca ha visto suo figlio rinascere, rincominciare un percorso di studio. Anche grazie al supporto costante di suo padre Marco ha ripreso a studiare, si è iscritto ad un corso di informatica. Da questo primo passo la vita di Marco è cambiata.

“Quando ho iniziato il corso di informatica mi preoccupava tantissimo ritornare in una classe con delle persone che avrebbero potuto ferirmi di nuovo.

Il corso non mi piaceva, perché non mi piacevano le materie, erano troppo difficili, ma mi sono reso conto che invece non avevo più problemi con i miei compagni.

Anzi sono riuscito ad instaurare un buon rapporto con loro e le mie paure sono svanite nel nulla.”

Gianluca rifarebbe ogni giorno quel primo passo, quella prima richiesta di aiuto. Vede suo figlio cambiato, pronto a rifarsi una vita. Anche grazie al suo supporto e alla sua fiducia adesso Marco si sente bene.

“Insieme agli operatori di Varcare la Soglia, sto iniziando un percorso di orientamento formativo e per la prima volta devo solo occuparmi di scegliere la strada che segna il mio futuro, per la prima volta devo solo capire ciò che mi piace fare e cosa mi piacerebbe diventare.”

2018-03-14T13:58:40+00:0019-03-2018|Categoria Sviluppo|Tag: , |