Descrizione Progetto

Dal 24 febbraio i rifugiati ucraini, per lo più donne e bambini, hanno iniziato ad entrare in Romania (oltre 800.000 rifugiati ad oggi). Oltre 80.000 sono attualmente ospitati in centri di accoglienza ufficiali, hotel, case in affitto o presso famiglie rumene. Meno del 10% dei rifugiati soggiorna nei centri di accoglienza ufficiali (UNHCR, aprile 2022).

I bambini e le madri provenienti dalla guerra rischiano di essere vittime di tratta o sfruttate a causa delle loro vulnerabilità emotive, finanziarie, nonché per la mancanza di capacità di adattamento alle istituzioni rumene e dell’UE (assistenza sociale, occupazione, ecc.). “Una combinazione di diversi elementi che caratterizzano i conflitti armati aumenta i rischi di tratta. I conflitti armati amplificano le vulnerabilità sociali ed economiche delle persone colpite. (…)

Gli sfollati possono avere un accesso limitato all’istruzione, alle risorse finanziarie o alle opportunità di generazione di reddito. Ciò fornisce un ambiente fertile ai trafficanti per promettere rotte migratorie sicure, occupazione e istruzione o formazione professionale e ingannarli in situazioni di sfruttamento. I bambini sfollati o separati dalle loro famiglie senza reti di sostegno sono particolarmente vulnerabili a diventare bersagli dei trafficanti” (UNODC, “Trafficking in Persons. In the Context of Armed Conflict”, 2018).

Il rischio della tratta è reale. I rischi legati alla migrazione di massa determinata dalla guerra si sovrappongono al fatto che la Romania è un paese di origine per molte delle vittime della tratta di esseri umani soccorse in tutta l’UE. I bambini e le donne rifugiate ucraine corrono un rischio maggiore di diventare vittime della tratta e dello sfruttamento, in particolare mentre cercano i mezzi per guadagnarsi da vivere nell’Europa occidentale.

Un approccio basato sui diritti umani alla tratta richiede a tutti i livelli – locale, nazionale e regionale – tutti coloro che sono coinvolti nell’accoglienza e nel sostegno dei richiedenti asilo dall’Ucraina per aumentare l’integrazione degli sforzi contro la tratta nelle loro risposte come prevenzione e non come risposta tardiva . L’assistenza è quindi necessaria affinché i rifugiati possano rivendicare i propri diritti.

Inoltre, è importante consentire ai rifugiati presenti nel Paese di avere accesso alle informazioni e alle opportunità del mercato del lavoro, della formazione professionale e dell’istruzione. Questo in una prima fase della loro inclusione sociale.

Che cosa faremo

È fondamentale quindi dare sostegno e assistenza a questi bambini e alle loro famiglie con percorsi ad hoc.

L’esperienza del lutto e del trauma della guerra, il viaggio e l’abbandono delle proprie case e dei contesti di vita – scuola e ricreazione – la perdita di reti e legami che costituivano la quotidianità dei ragazzi, ha compresso fortemente la loro esperienza presente, se non adeguatamente affrontate possono anche influenzare il loro futuro e il loro processo di crescita.

Per sostenere i bambini in questa delicata fase, poi, FADV e AAS hanno avviato un percorso di sostegno e assistenza educativo, ludico ed emotivo.

L’obiettivo del progetto è sostenere e promuovere l’inclusione dei bambini ucraini rifugiati e promuovere la resilienza, la giustizia e la dignità per i bambini e le donne a rischio di tratta e sfruttamento nella contea di Iaşi.

Gli obiettivi del progetto:

1. Uno spazio adatto ai bambini istituito e promosso a livello locale per i bambini ucraini e rumeni

2. Servizi specifici forniti ai minori rifugiati e alle loro famiglie (informazione, consulenza, accesso ai diritti);

3. Sviluppata sensibilizzazione individuale e campagna di sensibilizzazione locale contro la tratta

Il Centro è uno Spazio Child-Friendly, un luogo protetto dove i bambini possono sentirsi al sicuro, supportati da professionisti formati e strutturati.

Questo è un luogo accogliente dove fermarsi, lasciare che le proprie paure e il trauma del distacco si dissipino e ricostruire gradualmente routine e routine quotidiana, ricominciando a relazionarsi positivamente con l’ambiente esterno.

Il luogo in cui si svolgono le attività diventa quindi centrale, ed è attraverso di esso che il bambino inizia a percepire un’accoglienza fatta di attenzione, ascolto e cura.

Il nostro obiettivo è che questi luoghi e le attività che vi si svolgono siano un vero orientamento per i bambini in nome della riscoperta delle proprie risorse, desideri e aspirazioni ma anche per la socializzazione nel contesto rumeno.

I punti chiave del Centro includono:

– Accoglienza in un “luogo positivo e sicuro” dove ognuno, senza discriminazioni, possa sentirsi accolto nella propria unicità e invitato a partecipare ad attività che restituiscano valore e dignità alla propria storia di vita, alle proprie esperienze.

– Generare le condizioni più favorevoli affinché i bambini riacquistino la normalità.

– Attivare e facilitare, attraverso attività psicoeducative e momenti ludici, il processo di resilienza che bambini e adulti sono in grado di portare a compimento.

Questo progetto è pienamente in linea con:

o Legislazione e politica dell’UE per combattere la tratta degli esseri umani in Europa

o Rapporto di valutazione GRETA 2020 della Romania

o Convenzione dei diritti del fanciullo

BENEFICIARI:

100 bambini e donne ucraini rifugiati dalla guerra, a rischio o vittime di tratta

20 bambini rumeni a rischio coinvolti nelle attività del centro, che parteciperanno alle attività di socializzazione.