Studiare in Italia non è solo un sogno

È trascorso soltanto un mese da quando i 23 bambini haitiani, che hanno vissuto in Italia un’indimenticabile vacanza di tre mesi, sono ripartiti con suor Marcella per tornare nella baraccopoli di Waf Jeremie, ma già abbiamo delle notizie importanti che li riguardano!

Nei giorni scorsi, infatti, Marcella è riuscita a mettersi in contatto con noi, nonostante un recente terremoto sull’isola abbia reso difficili le comunicazioni, perché voleva avvisarci che deve urgentemente rientrare in Italia. Alla base di questa decisione improvvisa c’è una bellissima novità: esiste una concreta di possibilità di ottenere subito i visti che permetterebbero di portare in Italia due bambini di Haiti per motivi di studio.

Se così fosse, già a partire da dicembre si realizzerebbe il sogno di cominciare a trasformare Casa Lelia, il centro di accoglienza nella campagna umbra che durante l’estate ha ospitato i 23 bambini, nel punto di riferimento per i giovani della baraccopoli haitiana che verranno a studiare nel nostro Paese dove potranno realmente costruirsi un futuro. Sarebbe davvero un magnifico regalo di Natale.

Manteniamo i piedi per terra perché, per il momento, i documenti non sono ancora stati ottenuti ma speriamo di darvi prestissimo un felice aggiornamento della vicenda.

Per informazioni scrivici a: sad@alberodellavita.org
o
 chiamaci allo 02 92276230 o al numero verde: 800.30.40.30

2018-10-15T12:12:53+00:0015-10-2018|Categoria Sostegno a Distanza|Tag: , , |