Viaggio ad Haiti – A 5 anni dal terremoto teniamo viva la speranza

Il 12 gennaio 2015 è il quinto anniversario del terremoto di Haiti, una tragedia che ha tolto la vita a 230mila persone. Sono stati stanziati oltre 5 miliardi di euro dalla comunità internazionale, ma parte di essi non si sa che fine abbiano fatto. La popolazione oggi è ancora nelle baraccopoli, povera, disperata, senza molte speranze.

La speranza in una bambina che nessuno voleva curare

Una delle poche possibilità per la popolazione è la clinica San Franswa, la struttura gestita da Suor Marcella e da anni sostenuta da L’Albero della Vita. Le mamme trovano un luogo accogliente dove curare i loro bambini, destinati altrimenti a morire anche di fame. Suor Marcella ospita anche tanti bambini, orfani e gravemente malnutriti, che accoglie e fa crescere in un luogo che è un fiore all’occhiello in mezzo alla baraccopoli

Il simbolo della speranza per quest’isola l’abbiamo trovato in una bambina, “Pomme de Terre” (“patata” in italianao). Arrivata da Suor Marcella con livello meno 4 di malnutrizione, 5 ospedali le hanno rifiutato le cure perché troppo grave per sopravvivere, e qui le cure costano e si riservano a chi può farcela. Marcella se l’è portata a casa e grazie al programma nutrizionale si è ripresa e adesso è rotondissima, una vera patata.

La speranza non può morire. E grazie ai tanti che ancora sostengono questo progetto e che non la lasciano sfiorire!

Idoia e Simona

Sostieni il lavoro di Suor Marcella – Aiuta un bambino a sopravvivere

Totali
2017-01-16T11:45:46+00:00 12-01-2015|Categoria Sviluppo|Tag: , |
Totali